Il Dubai Tour è la più significativa competizione ciclistica degli Emirati Arabi.


Questa competizione, famosa quanto le gare podistiche, è orgogliosamente giunta alla 4° edizione con il patrocinio dello sceicco Hamdan Bin Mohammed Bin Rashid Al Maktoum in collaborazione con il Dubai Sport Council e Rcs Sport.

Le 5 tappe del Dubai Tour 2018

Il circuito si compone di cinque tappe per un totale di 841 km e attraversa i più svariati e caratteristici territori della terra emiratina ed accoglie ciclisti da tutto il mondo nel mese di febbraio.

  • 1° tappa: NAKHEEL STAGE
    • 167 km
    • Start village: Skydive
    • Start Km 0: h.11:25
    • Zone di rifornimento: km 83-86
    • Finish line: Palm Jumeirah – Atlantis

Questa tappa si divide in due parti: la prima, al di fuori di Dubai, parzialmente nel deserto; la seconda che attraversa Dubai Marina con l’arco di arrivo di fronte alla porta dell’Atlantis situata a Palm Jumeirah.

La prima parte della tappa, su strade larghe e ben pavimentate (fino a sei carreggiate) giunge al Dubai Cycling Track. Il percorso continua poi nel deserto, passando dalla piscina del complesso sportivo Hamdan Bin Mohammed Bin Rshid e dal Global Village.
La parte finale della tappa ritorna nella città, al luogo dell’Expo 2020 e Jebel Ali.

Il percorso in quest’ultimo tratto presenta molte curve e stretti e corti passaggi, fino a che non si entra in Palm Jumeirah dove diviene prevalentemente diritto

  • 2° tappa: RAS AL KHAIMAH STAGE
    • 190 km
    • Start village: Skydive Dubai
    • Start Km 0: h.10:45
    • Zone di rifornimento: km 88-91
    • Finish line: Ras Al Khaimah – Al Quawasim Corniche Rd

La seconda tappa collega Dubai con l’Emirato più a nord, Ras Al Khaiman, che attraversando gli emirati di Sharjah, Ajman e Umm Al Quwain.

Da Dubai su strade veloci e larghe conduce verso il deserto, con una breve deviazione nel Dubai Design District. Il percorso giunge a Sharjah e Ajman su lunghe e dritte strade prima di attraversare Umm Al Quwain, dove si passa attraverso una lunga sezione urbana (serie di rotonde) prima di terminare verso Ras Al Khaimah.

La finish line è nella capitale dell’omonimo Emirato .

  • 3° tappa: DUBAI SILICON OASIS STAGE
    • 180 km
    • Start village: Skydive Dubai
    • Start Km 0: h.11:05
    • Zone di rifornimento: km 100-103
    • Finish line: Fujairah – Corniche Rd

La tappa collega le spiagge di Dubai Marina nel Golfo Arabo con Fujairah nell’oceano indiano (Golfo dell’Oman) interessando il territori dei 4 emirati (Dubai, Sharjah, Ras Al Khaiman, Fujairah).

Il tracciato si sviluppa attraverso il deserto, percorrendo la zona della Silicon Oasis, con una sequenza di rotonde (su carreggiata larga) che terminano nel primo traguardo intermedio.

Lunghi rettilinei conducono alle Hajar Mountains che dividono il deserto e terminano con una sequenza di colline minori.
Il percorso arriva a Fujairah dove giunge in città prima di finire nel Corniche.

  • 4° tappa: DUBAI MUNICIPALITY STAGE
    • 172 km
    • Start village: Skydive Dubai
    • Start Km 0: h.11:00
    • Zone di rifornimento: km 114-117
    • Finish line: Hatta – Hatta Dam

Il ‘Queen stage’ del Dubai tour di 172 km segue il semi-classico percorso delle precedenti edizioni con la salita finale di Hatta Dam.

Il tracciato è caratterizzato da lunghi tratti nel deserto ed attraversa le Hajar Mountains con passaggi attraverso i due Emirati vicini: Sharjah e Ras Al Khaiman. Una volta lasciati alle spalle gli ultimi edifici di Dubai, il tracciato passa Labab, Al Madam e Al Malahia verso Hatta dove prima di arrivare al tratto finale, gli atleti affrontano 2 brevi salite.

La prima è una salita con una pendenza del 3-4%, la seconda è lunga circa 1.5 km con una pendenza dell’8% fino a un 11% prima di una rapida e impegnativa discesa.

La strada ha un’ampiezza normale e una superficie di pavimentazione eccellente.

  • 5° tappa: MERAAS STAGE
    • 132 km
    • Start village: Skydive Dubai
    • Start Km 0: h.12:20
    • Finish line: Dubai City Walk

La tappa finale è ormai un classico attraverso le Old e New Towns. Essa inizia nella direzione del grande ippodromo di Meydan prima di attraversare
Il Mushrif Park per finire alle spiagge di Al Mamzar. Il circuito passa da Deira, Al Maktoum Bridge e l’intera Old Town passando per Port Rashid e da quel punto entra in Jumeirah Road passata l’ampia Union Flag.

Dopo il punto di inversione a U a Burj Al Arab, il percorso rientra a Jumeirah Road e giunge fino al City Walk, luogo della finish line.

Il vincitore dell’edizione 2018: Elia Viviani

Vincitore assoluto dell’edizione 2018 è stato Elia Viviani, il primo italiano a vincere il Dubai Tour dopo il britannico Mark Cavendish (2015) e il tedesco Marcel Kittel (2016, 2017), inoltre quarto vincitore consecutivo appartenente al team Quick Step Floors.

Il trofeo ufficiale, Circle of stars (Cerchio di stelle, ndr) realizzato per l’occasione da Pininfarina è stato consegnato al campione durante la cerimonia di premiazione nei pressi del City walk di Dubai.

brumotti al dubai tour 2018

Oltre agli spettacolari tempi degli atleti e alle strepitose performance delle squadre, un ulteriore tocco distintivo e italiano alla manifestazione è stato dato da Vittorio Brumotti che si è esibito con acrobazie mozzafiato sulla sua bici durante la cerimonia d’apertura e sui palchi delle diverse tappe.

L’onore di far parte di una squadra come quella di Microplus srl in una così complessa macchina organizzativa ed internazionale è stato il valore aggiunto di questa esperienza senza però dimenticare i bikers di Zollino, supportati dall’Asd Mondosport di Melendugno, che mi hanno iniziato al ciclismo ed hanno scommesso su di me in tempi non sospetti.

Come si suol dire, “si spiegano le ali mantenendo le radici” e, in questo caso, dal Salento a Dubai, il passo è stato breve, intenso e insostituibile.
A ganar.

+1