Cos’è il Fartlek (o speed play), termine della lingua svedese che significa “gioco di velocità”.


Tipologia di allenamento cardiovascolare, molto usato dagli atleti di endurance.

Chi si allena abitualmente per preparare gare podistiche, sa che non sempre è facile trovare la voglia, la motivazione per andare a correre, soprattutto in inverno, quando le temperature sono rigide ed è difficile contrastare la capacità magnetica del divano. Però, un allenamento che può stimolarti e convincerti è il FARTLEK.

CHE COS’È IL FARTLEK?

Questo termine svedese significa “gioco di velocità”, dando proprio l’idea che si tratti di un allenamento divertente, una sorta di gioco, che può aiutarti a trovare la voglia di uscire a correre e rendere l’allenamento meno noioso e più libero. Questo perché il Fartlek può essere personalizzato, al momento, in base alle proprie sensazioni e condizioni fisiche e mentali; si tratta, cioè, di correre alternando intervalli di corsa veloce ad intervalli di corsa lenta che non devono essere precisi, così come lo sono ad esempio le ripetute sui 400m, 1000m, ecc; ma si possono fare questi cambiamenti di ritmo in maniera molto libera e soggettiva, senza faticare eccessivamente.

Altra caratteristica che rende questo allenamento meno noioso e più piacevole, è quella di poterlo svolgere su tutti i tipi di terreni, strada, su percorsi sali e scendi e vedrai che il tempo passerà così velocemente che nemmeno te ne accorgerai.

 

 

 

A COSA SERVE IL FARTLEK?

Tutto ciò non significa che si tratti di un allenamento inutile, fatto giusto per non sentirsi in colpa e mettere qualche km in più sulle gambe in vista di future gare; al contario, il Fartlek è molto allenante ed utile, proprio perché alternando intervalli di tempo ad alta e bassa intensità si produce un maggior consumo di calorie, si migliora la capacità anaerobica, si migliora la V02 MAX (potenza aerobica) e si impara a gestire meglio lo sforzo e il ritmo.

FACCIAMO ALCUNI ESEMPI:

-dopo circa 20’ di riscaldamento, inizia a correre al tuo ritmo lento e inserisci, di tanto in tanto, brevi tratti di circa 200m con ritmo più veloce; oppure considerando il tempo, brevi intervalli di circa 1’ con ritmo più veloce

– sempre dopo un riscaldamento di circa 20’, effettua delle variazioni di ritmo facendo 3’ veloci-3’lenti, 2’veloci-2’ lenti, 1’ veloce- 1’ lento e ripeti da capo per un totale di 30/40’

-se ti trovi a correre in un circuito o su pista, fai qualche giro di riscaldamento e poi alterna un giro veloce ad un giro lento; oppure mezzo giro veloce e il restante mezzo giro lento

Ci sono tantissime tipologie di Fartlek, prova quella che più ti piace o inventane di nuove e buon divertimento!

5+