Appuntamento internazionale per i runner di Caserta: Mezza Maratona Reggia Reggia.


Mezza Maratona di Caserta: Koech, Lamachi e Baruffaldi…

Non potevano esserci condizioni meteo migliori per una gara così suggestiva.

20 gradi circa, sole e vento debole hanno accolto e accompagnato questa bellissima mezza maratona di fine novembre.  Record di partecipanti, più di 2500 iscritti, con nomi prestigiosi del podismo e delle gare podistiche a livello internazionale.

Tripletta africana tra gli uomini con il successo del keniota Joash Kipruto Koech che ha terminato con il crono di 1h 05′ 03″ precedendo il connazionale Julius Kipngetich Rono (1h 05′ 21″) ed il marocchino Abdelkebir Lamachi (1h 07′ 52″). Giuseppe Soprano, quarto in 1h 08′ 29″, è risultato essere il primo italiano.

mezza maratona caserta KOECH LAMACHI E BARUFFALDI

Tra le donne la marocchina Meryem Lamachi ha tagliato per prima il traguardo con il tempo di 1h 18′ 25″, a seguire sono arrivate Hanane Janat (1h 23′ 52″) e Loredana Brusciano (1h 25′ 03″).

Cosa ci facevo io lì?

Ospite degli organizzatori, l’Asd Caserta run, ho partecipato al village, il giorno prima della gara, per presentare il nuovo modello delle scarpe Newton, presto in uscita nel 2017, le “Gravity 6”, uno fra i pochi in Italia ad aver avuto la fortuna di testarle.

Il giorno dopo, impaziente di provarle, sono andato a correre, tra i suggestivi giardini della Reggia di Caserta, in compagnia di mia moglie Raffaella e in attesa del lungo fiume di runners che da lì a poco avrebbe invaso gli splendidi viali dei giardini reali.

Bellissime come sempre, più ammortizzate del modello precedente, impreziosite dal Newtonium, materiale di colore bianco, ben visibile sotto la soletta della scarpa, garantiscono un rimbalzo maggiore.

Se amate le 21 km non potete fare a meno di partecipare a questa gara, mai noiosa, fin dai primi chilometri, che ha portato i tanti runners a correre prima lungo le strade della città per poi finire la fatica nella splendida Reggia.

La mezza maratona è una distanza alla portata di tutti, non solo degli atleti più esperti, ed è un buon trampolino di lancio per chi vuole raggiungere il traguardo dei 42,195 km della maratona.

Per tutti coloro, e sono ormai tantissimi, che praticano questo sport per il puro piacere del divertimento e della sensazione di benessere fisico e mentale che dà, la mezza maratona non è così impegnativa come una maratona in termini di tempo da dedicare alla sua preparazione e ti permette di godere del fascino di una competizione su una lunga distanza.

L’incontro con la grande podista Giordana Baruffaldi.

Il caso ha voluto che incontrassi la grande atleta di Pavia, Giordana Baruffaldi, “Newton dipendente”, e a lei ho chiesto le sensazioni di questa gara.

“Mi è stato proposto di venire a Caserta a fare la Reggia da un runner. Così ho preso il pullman con altri runners e sono partita. Il viaggio è stato lungo ma ne è valsa la pena!

L’accoglienza e il calore che hanno dimostrato i casertani ci ha ripagato ampiamente. Sono rimasta colpita dal vedere tanti ragazzi che aiutavano.

La gara è stata molto bella, ottima organizzazione, spettacolo mozzafiato correre all’interno della Reggia, ti fa sentire una regina.

Indossavo le mie scarpe Newton che mi spingevano come non mai, e alla Reggia, ho ottenuto il risultato di 1h 27’ e 14”, di cui sono felicissima”.

Per la cronaca la Baruffaldi ha terminato la gara con il 5° posto assoluto tra le donne, 3° posto tra le donne italiane e il 1° della sua categoria (sf 55).

Al termine della gara mi ha detto: “oggi ho volato”.

Mezza Maratona Reggia Reggia – 20 novembre 2016

mezza maratona caserta KOECH LAMACHI E BARUFFALDI