Allenarsi in spiaggia potrebbe essere un’alternativa piacevole alla corsa in città


I benefici di correre al mare

Allenarsi al mare: la brezza leggera, l’aria pulita, lo scroscio rilassante dell’acqua per molti podisti sono delle caratteristiche da sfruttare al massimo soprattutto durante la bella stagione.

Se vivi in una località balneare oppure devi passarci le ferie e hai intenzione di allenarti – magari con l’obiettivo di partecipare alle gare podistiche – ti sarà sicuramente venuto in mente di andare in spiaggia e fare una bella corsetta rigenerante.

Potrebbe essere un’ottima idea!

L’ambiente marino generalmente apporta numerosi benefici all’organismo umano. Ecco quindi i vantaggi che puoi ottenere se decidi di correre in spiaggia:

  • L’aria di mare è ricca di iodio, bromo, magnesio e cloruro di sodio, molto utili per la salute dell’uomo. Grazie al fenomeno dell’evaporazione – che avviene per via del calore dei raggi solari – puoi respirare e dunque assorbire questi sali, integrando le tue riserve minerali;
  • a proposito di respirazione: allenarti in spiaggia ti permette di godere dell’aria pulita, come generalmente è quella marina. Noterai sicuramente delle profonde differenze nella tua respirazione se di solito corri in città;
  • l’esposizione solare contribuisce ad aumentare la produzione di vitamina D, molto importante per la salute delle ossa.

Ora che hai letto questi benefici, devi sapere che correre in spiaggia non è di certo una passeggiata. Per poterlo fare è necessario che tu prenda alcuni accorgimenti. Ti stai chiedendo quali?

Continua a leggere e scopri i 5 consigli per poter correre sulla sabbia in tutta serenità.

1. Mantieni un ritmo blando

Eh sì, se ti alleni per partecipare alle gare podistiche potrebbe essere una cattiva notizia. Correre su un terreno morbido e cedevole come la sabbia sollecita soprattutto la muscolatura inferiore della gamba.

Sarebbe meglio dunque evitare di allenarti a ritmi sostenuti proprio perché rischi di incorrere in strappi o fastidiosi dolori.

correre in spiaggia consigli

2. Non correre sotto il sole cocente

Per aumentare la produzione di vitamina D non devi per forza rischiare di prendere un’insolazione o interrompere l’allenamento per via del calore eccessivo.

Quando ti alleni in spiaggia cerca di prediligere dunque le prime ore del mattino o il tardo pomeriggio, in modo da godere della luce solare ma senza esagerare.

3. Utilizza le scarpe: no ai piedi nudi

Correre a piedi nudi è probabilmente molto piacevole finché non si incappa in pietroline, conchigliette o – peggio – schegge di vetro.

Proteggi quindi i tuoi piedi con delle buone scarpe, che ti aiuteranno inoltre ad evitare traumi alle articolazioni, sollecitate da un terreno “sconosciuto” e cedevole.

4. Corri sul bagnasciuga… Preferibilmente in piano

Allenandoti sul bagnasciuga offri ai tuoi muscoli e alle tue articolazioni un terreno molto più stabile e compatto rispetto alla sabbia asciutta.

Cerca di prediligere un tratto di bagnasciuga in piano, evitando come la peste i tratti in pendenza: in quest’ultimo caso gambe, piedi e caviglie vengono sollecitati in modo asimmetrico e dunque subiscono dei danni.

5. Usa la protezione solare

Per qualcuno potrebbe essere scontato, per altri no.

La crema solare è fondamentale per non scottarti la pelle sotto i raggi solari, sia durante una bella giornata assolata sia se corri in una giornata più fresca e ombrosa.

Qualche nuvola e un po’ di ombra non bastano a proteggerti dai dannosissimi raggi UV, che possono creare diversi problemi alla pelle: non solo odiose scottature, ma nei casi peggiori anche melanomi e carcinomi.

A questo proposito puoi pensare anche di utilizzare dei buoni occhiali da sole ed un berretto, oltre ad evitare di correre nelle ore più calde della giornata (solitamente tra le 10 e le 15), come hai già potuto leggere nel punto 2.

In conclusione

Correre in spiaggia può essere sicuramente un’esperienza molto piacevole e rilassante, oltre che un ottimo modo per staccare dalla routine degli allenamenti in città.

Se ne hai l’opportunità non è di certo sconsigliato, ma questi 5 consigli possono aiutarti a rendere il tuo allenamento sulla sabbia un’esperienza perfino migliore di quella che ti saresti aspettato.

Ti auguriamo un buon allenamento!

+1